english | français | 官话 | بالعربي | italiano | русский язык | हिन्दी | español | עברית







MANIFESTO | PROGETTO | AUTORI | PROGRAMMA | INFORMAZIONI



L’estrazione è ciò che definisce il Canada nel paese e all’estero. Dall’Africa all’Asia, passando per l’America Latina, più della metà dei quasi 20,000 progetti minerari nel mondo sono gestiti da società canadesi. L’economia dell’estrazione non solo impiega circa 400,000 persone nella nazione, ma nel 2012, da sola, ha apportato 52.6 $ miliardi al Prodotto Interno Lordo. Oltre il 75% delle industrie mineraria del mondo hanno sede in Canada. Anche se apparentemente impossibile da concepire, la scala di queste statistiche estende la logica del patrimonio storico del Canada come stato, nazione, e ora, come impero di risorsa globale. “Le potenze imperiali coloniali non si limitano a ridefinire i territori,” sostiene la storica della scienza Suzanne Zeller, “portano anche alla nascita di nuovi imperi, ripetendo più e più volte i loro cicli di espansione e di dominio”. In altre parole, il Canada è diventato un preponderante serbatoio di risorse e una piattaforma operativa per l’industria mineraria nel mondo. Se poi, come scriveva Harold Innis nel 1930, “Il Canada ha sostenuto le economie Britannica e Americana sfruttando le sue considerevoli risorse,” ora dunque è diventato un impero per diritto, sede di una legione di imprese minerarie operanti sulla sua superficie le cui pratiche riflettono la potenza e la presenza canadese ovunque sulla superficie del pianeta. Mentre questa cultura estrattiva cresce, la rappresentazione di questa complessa ecologia di estrazione deve essere pienamente presa in considerazione, esaminata ed esibita attraverso nuovi linguaggi, discorsi e forme di immaginazione, mentre ci muoviamo verso il 22 ° secolo.
Tramite l'apertura di un obiettivo più ampio sulle culture di estrazione, il progetto intende sviluppare un discorso più profondo sulle complesse ecologie di estrazione delle risorse. Dalla ghiaia all’oro, dalle autostrade ai circuiti digitali, ogni singolo aspetto della vita urbana contemporanea oggi è mediato da risorse minerarie. Attraverso il linguaggio multimediale di cinema, stampa e mostre, il paesaggio dell’estrazione di risorse dall’ esplorazione, all’estrazione, alla lavorazione, alla costruzione, al recupero, può essere esplorato e rivelato come il fondamento della vita urbana contemporanea.



IL PROGETTO

Il progetto è una risposta alla cultura contemporanea del Canada e ad un’economia globale basata sull’estrazione di risorse. Multinazionali canadesi attualmente operano circa 9.000 progetti minerari in tutto il mondo, in quasi ogni paese e continente del pianeta. Come iniziativa multimediale, il progetto esplora l'eredità attuale e storica dei processi estrattivi minerari da una prospettiva canadese con due principali obbiettivi creativi: in primo luogo, un film sperimentale e documentario interattivo, e a seguire, un libro che presenta i pensieri di personalita` di influenza e rilievo, sia storiche che contemporanee, sull’impero di risorse globali canadese. A cura di Pierre Bélanger e Nina-Marie Lister, il libro offre una vasta gamma di testi di autori e studiosi di paesaggio, urbanistica, geografia, arte, ecologia, i media, la letteratura, l'architettura, l'ingegneria, la scienza, l'industria, il commercio e la cultura . Il progetto sarà lanciato alla Biennale di Architettura di Venezia nel 2016, poi sara` in tour attraverso diverse regioni minerarie in tutto il Canada per celebrare il 150 ° anniversario della Confederazione nel 2017.



AUTORI

Il progetto è stato ideato e sviluppato da Pierre Bélanger (coordinatore), Christopher Alton, e Zannah Matson (OPSYS), in collaborazione con Geoffrey Thün, Kathy Velikov and Colin Ripley (RVTR), Nina-Marie Lister (Ecological Design Lab, Ryerson University), Kelsey Blackwell (Studio Blackwell), Catherine Crowston (Art Gallery of Alberta), Troels Bruun & Luca Delise (M+B Studio), Alessandra Lai (Sardegna), Jane Zhang, Hamed Bukhamseen, Foad Vahidi, Olga Semenovych, Lindsay Fischer, Dan Tish, Jen Ng, Andrew Wald, Ya Suo, e Martin Pavlinic.



PROGRAMMA

26-27 Maggio 2016 (Inaugurazione Biennale di Venezia)
Giugno-Ottobre 2016 (Esposizione alla XV Biennale di Architettura di Venezia)
Gennaio-Dicembre 2017 (Esposizione in Canada e Nord America)



INFORMAZIONI

EXTRACTION è una mostra internazionale incaricata dal governo federale del Canada e resa possibile grazie al finanziamento da parte del Canada Council for the Arts, una società Canadian Crown creata nel 1957 con lo scopo di agire come consiglio d’arti per il governo federale del Canada attraverso il Ministro del Patrimonio Canadese, per promuovere e diffondere lo studio,l’apprezzamento, e la produzione di opere nel campo delle arti.


info@extraction.ca








          



PARTNER



                   







                   


torna in cima



©2016 OPSYS / Landscape Infrastructure Lab